Brian Atwood: una vita per lo stiletto super-sexy


Cresciuto tra le più prestigiose case di moda di Chicago, New York e Milano (dove è stato first assistant di Gianni Versace) e amatissimo dalle dive d’oltreoceano come Madonna, Gwyneth Paltrow e Sarah Jessica Parker, lo stilista Brian Atwood è stato recentemente insignito del premio Swarovski’s Perry Ellis Award dal Council of Fashion Designers of America, a testimonianza di un talento puro, in continua crescita benchè ormai assolutamente affermato.

Platform Dimitra by Brian Atwood - PE 2011

Platform Dimitra by Brian Atwood - PE 2011

Appassionatissimo dello stiletto, Brian Atwood ha disegnato – per la stagione estiva 2011 – una collezione che naturalmente esalta il tacco femminile su modelli vivacissimi e super-sexy. Tra i sandali, ad esempio,  il modello Divine si supera in raffinatezza e sensualità, grazie anche all’originale fasciatura che si ottiene sul piede.

Sandali Divine di Brian Atwood - PE 2011

Sandali Divine di Brian Atwood - PE 2011

Linee più severe sul modello di sandali platform Alexa White di Brian Atwood, che fascia anche il plateaux con l’elegante tessuto bianco bordato a contrasto con il nero utilizzato per la calzatura ed il laccetto, per una seduzione dai toni più rigorosi.

Platform Alexa di Brian Atwood - PE 2011

Platform Alexa di Brian Atwood - PE 2011

Post redatto da FashionBuzzer

ha scritto 193 post su questo fashion-blog.

Una passione per le scarpe, la moda ed il mondo di Internet che parte da lontano, e che si concilia alla perfezione con l'attività di fashion-blogger. Contribuisco allo sviluppo di questo blog dal giorno della sua creazione, con interventi redazionali sulle ultime tendenze di moda ed un modesto supporto di carattere tecnico.

Potrebbe interessarti anche:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


3 × = 12

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>